Che cosa succede in caso di mancato pagamento della bolletta?

In caso di mancato pagamento della bolletta,  Geal invierà un sollecito bonario, tramite A/R, dove si invita l’utente a procedere al pagamento dell’importo, attraverso le seguenti modalità:

Tramite canali telematici quali:

  • home banking della propria banca/Poste Italiane utilizzando esclusivamente la sezione Cbill-PagoPA, scegliendo la GEAL SPA, Società Esercizio Acquedotto Lucchesi, è necessario inserire il codice CBILL ed il numero dell’’Avviso di pagamento e procedere con il pagamento digitando l’importo totale della bolletta o del sollecito di pagamento.

Tramite sportelli fisici quali:

  • Sportelli Postali;
  • Agenzie di qualunque banca abilitata al PagoPA;
  • Sportelli ATM abilitati delle banche aderenti al Pago PA;
  • Punti vendita e ricevitorie di SISAL, tabaccherie PUNTOLIS, edicole o bar convenzionati con LIS Pay S.p.A. Info, condizioni economiche, trasparenza e privacy su www.lispay.it;
  • Altri prestatori di servizi di pagamento digitali, aderenti a PagoPA

Una volta eseguito il pagamento, l’utente è invitato a darne comunicazione a Geal, inviando la relativa documentazione a supporto (documento di attestazione di avvenuto pagamento) attraverso il seguente canale:

Nel caso di mancato pagamento del sollecito, Geal S.p.A. potrà avviare la procedura di costituzione in mora, ai sensi dell’art. 4.5 della delibera ARERA 311/2019. 

Persistendo la morosità, decorsi 40 giorni dal ricevimento del sollecito bonario, Geal S.p.A. potrà attivare le procedure di limitazione, sospensione e disattivazione della fornitura, in base a quanto stabilito dagli art. 7 e 8 della delibera ARERA 311/2019 per la tipologia di uso della sua utenza. Qualora non siano attivabili le procedure suddette si procederà con le azioni previste dalla normativa vigente.

Per tutte le utenze di tipo domestico residente e condominiale, prima di attivare la procedura di sospensione, è possibile procedere alla limitazione della fornitura laddove tecnicamente fattibile (riduzione del flusso di acqua erogata al punto di consegna nei casi di morosità, garantendo il quantitativo essenziale di acqua).

Per le utenze diverse da quelle di tipo domestico residente, Geal procederà direttamente alla sospensione e successiva disattivazione della fornitura.

Nel caso di utenze relative al al servizio idrico non rese accessibili per le procedure di limitazione, sospensione e disattivazione, al servizio di fognatura e depurazione ed al servizio di acque reflue, in seguito all’invio della costituzione in mora, se la morosità persiste, GEAL provvederà ad attivare le azioni del recupero del credito con l’eventuale affidamento della pratica ad un legale di nostra fiducia per il recupero del credito con conseguenti aggravi di spese.

Geal addebita all’utente i costi sostenuti per la spedizione del sollecito bonario e della comunicazione di costituzione in mora, nonché in caso di limitazione, sospensione e successiva disattivazione, anche i costi sostenuti per l’intervento e per il ripristino della fornitura.