Ritardato e Mancato pagamento

Dal 1° gennaio 2020 con l’introduzione della delibera n.311 del 16/07/2019 sulla regolazione della morosità nel servizio idrico integrato, approvata dall’ARERA, sono state introdotte regole uguali in tutta Italia nel caso di mancati pagamenti da parte degli utenti del settore idrico. In particolare, sono stati definiti tempi e modalità standard per la costituzione in mora, è stata regolata la rateizzazione degli importi, la sospensione della fornitura e la risoluzione del contratto, salvaguardando le utenze vulnerabili in documentato stato di disagio economico sociale e quelle pubbliche non disalimentabili (come ospedali e scuole). 

Cosa succede in caso di ritardato pagamento

Se il pagamento non è effettuato entro il termine di scadenza della bolletta o delle rate, Geal applicherà sulla bolletta successiva gli interessi di mora, calcolati a partire dal giorno di scadenza del termine per il pagamento, applicando il tasso di riferimento fissato dalla BCE maggiorato del 3,5%.

Cosa succede in caso di mancato pagamento:

In caso di mancato pagamento della bolletta, Geal invierà un sollecito bonario, tramite A/R, dove si invita l’utente a procedere al pagamento dell’importo, attraverso le seguenti modalità:

    • Tramite il servizio CBill accedendo al tuo Internet Banking. Il pagamento effettuato presso gli sportelli bancomat delle banche del gruppo Banca Intesa è gratuito. Basta avere a disposizione il codice identificativo, importo e codice Sia presenti nella pagina accanto al bollettino di pagamento; 
  • Tramite il canale Lottomatica direttamente online con carta di credito sul sito http://www.listicket.it; oppure in contanti, con PagoBancomat e con carta prepagata Lottomaticard in uno dei punti vendita Lottomatica;
  • Presso uno sportello postale presentando il bollettino di c/c postale premarcato, allegato al sollecito. 

Una volta eseguito il pagamento, l’utente è invitato a darne comunicazione a Geal, inviando la relativa documentazione a supporto (documento di attestazione di avvenuto pagamento) attraverso il seguente canale:

Nel caso di mancato pagamento del sollecito, Geal S.p.A. potrà avviare la procedura di costituzione in mora, ai sensi dell’art. 4.5 della delibera ARERA 311/2019. 

Persistendo la morosità, decorsi 40 giorni dal ricevimento del sollecito bonario, Geal S.p.A. potrà attivare le procedure di limitazione, sospensione e disattivazione della fornitura, in base a quanto stabilito dagli art. 7 e 8 della delibera ARERA 311/2019 per la tipologia di uso della sua utenza. Qualora non siano attivabili le procedure suddette si procederà con le azioni previste dalla normativa vigente.

Per tutte le utenze di tipo domestico residente e condominiale, prima di attivare la procedura di sospensione, è possibile procedere alla limitazione della fornitura laddove tecnicamente fattibile (riduzione del flusso di acqua erogata al punto di consegna nei casi di morosità, garantendo il quantitativo essenziale di acqua).

Per le utenze diverse da quelle di tipo domestico residente, Geal procederà direttamente alla sospensione e successiva disattivazione della fornitura.

Nel caso di utenze relative al servizio idrico non rese accessibili per le procedure di limitazione, sospensione e disattivazione, al servizio di fognatura e depurazione ed al servizio di acque reflue, in seguito all’invio della costituzione in mora, se la morosità persiste, GEAL provvederà ad attivare le azioni del recupero del credito con l’eventuale affidamento della pratica ad un legale di nostra fiducia per il recupero del credito con conseguenti aggravi di spese.

Geal addebita all’utente i costi sostenuti per la spedizione del sollecito bonario e della comunicazione di costituzione in mora, nonché in caso di limitazione, sospensione e successiva disattivazione, anche i costi sostenuti per l’intervento e per il ripristino della fornitura.


Costi per la spedizione del sollecito bonario e della costituzione in mora

Nella tabella di seguito, sono riportati i costi suddivisi per tipologia di utilizzo e mezzo di comunicazione:
Importo unitario massimo
utenza domestica residente
Importo unitario massimo
altra utenza (non
residente)
Posta elettronica certificata 1,5 € 3 €
Lettera raccomandata A/R 6,5 € 13 €

Costi per l’intervento di limitazione, sospensione e riattivazione

Nella tabella di seguito, sono riportati i costi suddivisi per tipologia di utilizzo:
Importo unitario massimo
utenza domestica residente
Importo unitario massimo
altra utenza (non
residente)
Intervento sul contatore per limitazione, sospensione, riattivazione 35 € 45 €
Costo valvola di limitazione (in aggiunta al precedente) 20 € 20 €
Disattivazione a seguito di
morosità
45 € 55 €

Indennizzi automatici:

Di seguito si elencano i casi per cui Geal è tenuta ad erogare un indennizzo automatico nel rispetto di quanto indicato nell’allegato A alla Delibera ARERA 311-2019:

Descrizione indennizzo  Importo 
Indennizzo per erronea sospensione o disattivazione di utente finale non disalimentabile € 30,00

 

Indennizzo per erronea disattivazione di un utente domestico residente, fatto salvo quanto previsto al comma 7.5 dell’allegato A alla Delibera ARERA 311-2019 € 30,00

 

Indennizzo per mancato invio della costituzione in mora prima dell’intervento di limitazione, sospensione o disattivazione della fornitura € 30,00

 

Indennizzo per erronea limitazione, sospensione o disattivazione nonostante l’utente finale abbia provveduto a comunicare l’avvenuto pagamento nei tempi e con le modalità di cui all’Articolo 6 dell’allegato A alla Delibera ARERA 311-2019 € 30,00

 

Indennizzo per limitazione, sospensione o disattivazione se: ·

  • la stessa è avvenuta in anticipo rispetto alla costituzione in mora; ·
  • l’utente ha chiesto la rateizzazione, con le modalità previste all’articolo 5       dell’allegato A alla Delibera ARERA 311/2019;
  • non è stato inviato il sollecito bonario di pagamento.
€ 10,00